Aggiornamento Avviso di Criticità idrogeologica ed idraulica regionale

Valutazione attuale:  / 0

Sulla base delle previsioni disponibili, della situazione meteo in atto e dello stato di saturazione del suolo, considerata la permanenza in corso di validità dell’ Avviso di condizioni meteorologiche avverse emesso dal Dipartimento della Protezione Civile (Allerta meteo-idro DPC),

il Centro Funzionale Regionale ha emesso un aggiornamento di Avviso di Criticità idrogeologica ed idraulica regionale, valido dalle ore 00.00 del 7 novembre 2014 e per le successive 24 ore, valutando i seguenti livelli di criticità sulle Zone di Allerta della Regione Lazio:

Codice Rosso per rischio idrogeologico localizzato su Bacini Costieri Sud (F), Bacino del Liri (G);

Codice Arancione per rischio idrogeologico localizzato su Bacini Costieri Nord (A), Bacino Medio Tevere (B), Appennino di Rieti (C), Roma (D), Aniene (E).

E’ stato altresì diramato un Allertamento del sistema di protezione civile regionale (Bollettini, Avvisi, Allertamenti,Zone di Allerta di appartenenza dei vari Comuni della Regione Lazio).

I possibili effetti al suolo associati ai diversi livelli di criticità sono consultabili nella

Tabella degli Scenari di criticità idrogeologica ed idraulica.

Per informazioni è attivo il Numero Verde del CFR: 800.276570.

Maltempo, in Italia arriva il vortice Attila

Valutazione attuale:  / 0

L’uragano Gonzalo è arrivato in Italia: si tratta in realtà di un “ex” uragano, perché nel nostro Paese non esistono le tempeste tropicali dell’oceano Atlantico: il nome del vortice adesso è Attila. La perturbazione dunque arriva indebolita, dopo aver spazzato in modo violento le isole Britanniche, dove martedì ha provocato 3 morti e gravissimi danni. La zona più colpita sarà il Sud Italia, dove per tre giorni il maltempo sarà impietoso, con mareggiate e venti fortissimi, che potrebbero raggiungere i 110/120 chilometri orari, con il picco tra giovedì e venerdì. Sul Triveneto e l’Adriatico si abbatteranno anche forti temporali e grandinate. In Sardegna il vortice ha colpito, con numerosi rami spazzati, vasi e moto caduti nella notte a Cagliari. Il maestrale che sta spazzando la Sardegna in realtà ha anche alimentato alcuni incendi che si sono sviluppati in Ogliastra. Chiuso il porto di Oristano, nessuna nave può entrare o uscire tramite il canale. Grossi disagi nell’Isola per tutti i collegamenti marettimi.

A Pescara il vento ha già raggiunto i 90 chilometri orari, provocando una tempesta di sabbia nella zona del litorale. Anche a Torino il vento ha raggiunto i 100 km/h, causando la caduta di rami e alberi ma nessun ferito. Per le raffiche potenti, i traghetti che collegano Livorno e Piombino con Capraia e l’isola d’Elba sono state sospesi. Sulle montagne dell’Alto Adige è anche arrivata la prima neve, con un brusco calo delle temperature e fiocchi sui rilievi attorno ai 700 metri. Nel Lecchese, nel lago davanti a Dervio, due turisti tedeschi hanno rischiato di morire quando la loro imbarcazione si è rovesciata: i vigili del fuoco sono intervenuti e li hanno salvato. Nella zona sono anche caduti diversi alberi.

Scivola sui binari, travolto dal treno. Tragedia tra Fondi e Monte San Biagio, traffico in tilt, giu 26, 2014

Valutazione attuale:  / 0
Linea ferroviaria in tilt e pendolari bloccati a lungo nel treno, nella prima serata di giovedì, per la morte di un uomo travolto da un convoglio proveniente da Roma. E’ successo tra i Comuni di Fondi e Monte San Biagio, all’altezza dei binari nei pressi della sede distaccata del Consorzio di bonifica, quando mancava qualche minuto alle 21. Se inizialmente si pensava ad un suicidio, in seguito agli accertamenti degli intervenuti alla fine è stato ipotizzato tutt’altro. Si sarebbe infatti trattato di un semplice incidente: l’uomo, come si scoprirà poco dopo di nazionalità indiana, stava camminando accanto ai binari; a quanto pare alticcio, avrebbe perso l’equilibrio proprio nei momenti del passaggio del treno. Inutili, i soccorsi dell’ambulanza della Formia soccorso giunta dal vicino ‘San Giovanni di Dio’. Ad operare sul posto, per tutto il tempo, i carabinieri del comandante Michelangelo Nania, polizia, Municipale e vigili del fuoco.